Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Idee in Rete è, insieme a CNCA, Rete 14 luglio e Consorzio Abele Lavoro, tra i promotori del documento «Rilanciare la funzione pubblica della cooperazione sociale di inserimento lavorativo».

Se nulla cambia, il senso della cooperazione di inserimento lavorativo si esaurisce, questo l'esordio del documento che evidenzia come le cooperative B, rischino di trovarsi di fronte ad un bivio tra soccombere di fronte alla concorrenza e accettare mediazioni sempre più forti rispetto alla qualità degli inserimenti lavorativi, situazione che tra l'altro demotiva gli operatori che hanno scelto di lavorarci per ben altre finalità. Gli enti pubblici, da parte loro, dimenticano la funzione pubblica dell'inserimento lavorativo considerando le cooperative come uno dei tanti soggetti privati operanti sul mercato.

Il Documento rappresenta una proposta aperta al contributo di altri soggetti per individuare le strade per il possibile rilancio.

Due piste di lavoro sono già abbozzate. La prima consiste nel rilanciare la valenza formativa dell’inserimento lavorativo in cooperativa sociale, che non può ridursi solamente all’essere occupazione, ma deve originare esiti apprezzabili dal punto di vista delle capacità professionali e dell’integrazione sociale, prevedendo a fronte di ciò un'adeguata remunerazione di questa funzione. La seconda direttrice è basata sulla capacità della cooperativa sociale di integrare entro un contesto produttivo lavoratori con debolezze e fragilità, in un contesto in cui tutte le misure di intervento pubblico prevedono forme di condizionalità, cioé un impegno personale da parte dei beneficiari di servizi.

Tutto ciò diventa percorribile se le cooperative sociali diventano consapevoli che investire nei rapporti con la propria comunità di riferimento è strategico e irrinunciabile quanto investire in beni strumentali per la propria attività; il legame con la comunità e i cittadini è necessario per rifondare la propria legittimazione culturale e la credibilità dell’esperienza della cooperazione B.

A partire da questa prima proposta si svilupperà un confronto che porterà nei prossimi mesi alla messa a punto di un documento definitivo e poi all'elaborazione e al lancio di proposte pubbliche sul tema. Chi fosse interessato al percorso può segnalarlo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi il documento «Rilanciare la funzione pubblica della cooperazione sociale di inserimento lavorativo»

Login Form