Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
  • ArmoniE, un esempio di integrazione a Villaricca

    ArmoniE è un centro per ragazzi con disabilità di Villaricca (NA) gestito da una cooperativa associata a Solco Napoli. E' un esempio di come sia possibile reinterpretare servizi consolidati come un centro diurno per farne un luogo attivo, dinamico, accogliente, in grado di convogliare le forze positive del terrtiorio e di spiengere i ragazzi a sviluppare al meglio le proprie capacità Leggi tutto
  • Transitando su processi di confine

    Ritorna Local&Share il blog tenuto da Carlo Andorlini che esplora i luoghi di incontro tra l'agire del terzo settore consolidato e l'operatività e la cultura portata (o forse per meglio dire risvegliata) dalla sharing economy; oggi lo fa esplorando cinque processi che si pongono su questo confine e che evidenziano come percorrere questi spazi migliori l'intervento in termini di benessere di comunità e/o in efficacia. Questi i processi: 1) Dalla comunità verso il servizio - 2) Dal servizio verso la comunità - 3) Dal territorio circoscritto - 4) Dall'intreccio fra attori diversi della comunità - 5) Dal bisogno individuale alla collaborazione collettiva Leggi tutto
  • Gorizia, la buona accoglienza è possibile

    Il nostro socio Goriziano Il Mosaico gestisce attraverso la cooperativa Aesontius un centro di accoglienza per richiedenti asilo a Gorizia in un edificio messo a disposizione dalla Curia. Un esempio di come sia possibile fare buona accoglienza, assicurare servizi adeguati e favorire l'integrazione delle persone accolte nel tessuto sociale del territorio Leggi tutto
  • Cosa c'è sotto la punta dell'iceberg?

    Una riflessione di Luca Fazzi sui casi sempre più frequenti di operatori che maltrattano gli utenti: "a furia di correre dietro a appalti, finanziamenti, nuovi investimenti e nuove ibridazioni con il profit, l’impressione è che si stia rischiando di perdere di vista i valori più profondi del lavoro sociale. Molti episodi di violenza e soprusi probabilmente trovano origine nell’innesto di regole e criteri di valutazione drammaticamente inappropriati per dare valore al lavoro verso le persone più deboli" Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Dal mondo

  • Default
  • Title
  • Date
load more / hold SHIFT key to load all load all

Dalla rete

  • Default
  • Title
  • Date
load more / hold SHIFT key to load all load all

Ti segnaliamo

23 maggio 2016

Cerchi i "ti segnaliamo" delle scorse settimane? Li trovi sulla colonna sinistra di ciascuna Newsletter 


Terzo settore - imprenditorialità sociale

Politiche sociali e Diritti

Lavoro

Impresa

Migranti

 

Italia e mondo

Consulta anche le webmap interattive

I blog di Idee in Rete

Login Form